Zafferano: l’Oro rosso in tavola!

L’alimento del mese è lo Zafferano!
Se ci pensate è un ingrediente che solitamente usiamo veramente poco, insomma non fa parte, in modo così radicato, della nostra cultura, se non per il “risotto allo zafferano”.

Crocus_sativus1Lo zafferano è una spezia, ma prima di tutto una pianta erbacea perenne che porta il nome di Crocus sativus.
La parte che viene utilizzata è il fiore, ma più specificatamente gli stimmi, cioè i pistilli, lunghi 2,5-3 cm. Essa è una pianta sterile, per riprodursi ha quindi la necessità dell’intervento umano: i bulbi che si formano sottoterra, come riserva di amido, devono essere divisi e ripiantati separatamente per la stagione successiva, facendo attenzione a distanza e profondità.
In Italia, le regioni che lo coltivano sono: Umbria, Marche, Abruzzo e Sardegna.

Il fiore fiorisce nel periodo invernale: viene raccolto a mano e prima che appassisca immediatamente lavorato, a mano, per poter prelevare in modo esclusivo gli stimmi e non perdere le preziose qualità. Il passaggio successivo è l’essiccamento nel più breve tempo possibile a temperature controllate.

Nelle aziende più prestigiose e che puntano alla qualità, ad esempio Zaffy nel campo dal 1937, avviene una selezione ben accurata prima di poter essere confezionato. Superati i controlli, può seguire due diverse strade:

  • Polvere, subisce macinazione, setacciatura, umidificazione ed essiccazione finale;
  • Pistilli, attraverso una particolare selezione dei pistilli interi, migliori e confezionati a mano.

Saffron-IMG_6640-2

Particolare attenzione viene posta all’umidità residua, perché, come per tutti gli alimenti, ci consente di salvaguardare la sicurezza igienica e le proprietà nutritive ed organolettiche del prodotto.

A proposito di questo, ma quali sono le proprietà dello zafferano?

Come quasi tutti gli alimenti che ingeriamo, introduciamo con loro delle sostanze che hanno effetti sul nostro organismo, oltre ovviamente a farci provare piacere mentre le mangiamo.

Il cibo è famoso prima di tutto per il suo lato edonistico! 😋

Lo zafferano svolge numerose funzioni dovute ai propri componenti, infatti è ricco di Sali minerali e Vitamine, contiene carotenoidi che ne conferiscono il colore e non solo e un olio essenziale che ne conferisce quel odore tipico, veramente fantasmagorico!

Numerose sono le sue proprietà, anche se molte sono ancora in fase di valutazione ed è altrettanto vero che, non potendone assumere in grandi quantità, gli effetti sono molto limitati.

Perché non possiamo assumerne in grandi quantità?

Lo zafferano in grandi quantità è tossico. Anche per questo i suoi benefici non sono stati pienamente approvati, per evitarne un uso eccessivo.

❌ L’uso scorretto porta a rischi più grandi dei benefici. ⛔

I sintomi da sovra dosaggio sono: vertigini, sanguinamenti, coliche intestinali, ingiallimento della cute e delle mucose, fino al rischio di aborto per le donne in gravidanza.

La dose di assunzione massima giornaliera è di: 1,5 g.
La dose LETALE è di: 20 g.

Cos’avrebbe di positivo allora?

  • Stimola la secrezione dei succhi gastrici, coloro che ci permettono di digerire, ciò comporta che lo zafferano aiuta e favorisce la digestione;
  • Effetti benefici sul sistema nervoso, a livello dello stato umorale contro depressione e ansia e per alcune malattie neurodegenerative;
  • Aiuta ad addolcire i dolori di tipo spastico, ad esempio nel periodo premestruale;
  • Ha proprietà antiossidanti ed antinfiammatorie verso cervello, occhi, vie respiratorie e pelle, aiutandoli nel corretto funzionamento ed evitando stati di malattia.

Cosa che non mi sarei mai aspettata: è una spezia ultra calorica! Ben 310 Kcal/100 g!
Per fortuna che lo assumiamo in minime dosi!! 😉

Inoltre sappiamo bene quanto costa, ovviamente conoscendo ora la lavorazione che ci sta dietro, possiamo ben capire il costo di: 12.000€ al Kilo! 😲

Basti pensare, che per fare un Kilo di Zafferano servono 150.000 fiori, quindi per un semplice grammo ben 150.

Ma lo zafferano è tutto uguale?

sgsNumerose sono le qualità e le intensità dello zafferano, numerose infatti sono i fattori che ne influenzano il risultato: come già detto in precedenza, l’umidità, la tipologia del prodotto prelevato del fiore, l’età della pianta, la cultivar di partenza cioè l’origine della pianta.

Per determinare la qualità e certificarla sono numerose le norme e le certificazioni a cui prestare attenzione ed a cui le aziende possono mirare, ma sicuramente non sarà facile ottenerle considerando l’importanza e la fatica necessaria per ottenere un prodotto veramente di qualità.

Ciò a cui mira Zaffy, ad esempio, è la selezione delle migliori coltivazioni mediterranee ed orientali, l’eccellere per profumo e colore, il mantenimento delle qualità organolettiche e nutritive del prodotto, il mantenimento della tradizione abruzzese, la scelta di lavoratori selezionati e con lunga esperienza alle spalle ed infine il controllo costante grazie alla collaborazione con l’Università di Milano.

Header-Zaffy

Le ricette in cui utilizzarlo non sono, per ora, molte o comunque conosciute, io l’ho utilizzato nella mia ricetta per il Contest #CucinaconZaffy e molti altri hanno usato la propria fantasia per usarlo, scoprile anche tu e fammi sapere come lo usi!

Se hai trovato il mio articolo interessante, aiutami e condividilo! 😊 Grazie!

Le informazioni contenute nel mio blog sono condivise a solo scopo informativo, NON possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e NON devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...