14. T.J.

“L’isola dell’amore proibito” di Tracey Garvis Graves, Garzanti, 2012

Erano in fondo, vicino alle scarpe. Dopo una rapida occhiata alle mie spalle, ne pescai un paio rosa e lo tenni all’altezza degli occhi.
[…]
Li rimisi al loro posto e presi in mano un tanga nero.
[…]
Passai a un paio di slip rossi, avvicinandoli al viso per vedere meglio il fiocchetto nero al centro dell’elastico in vita.
[…]
Poi ne tirai su una manciata e ci seppellii la faccia dentro, respirando a fondo.

Questo libro lo stavo leggendo in compagnia ed il leggere ad alta voce questa scena ci ha sorpreso e fatto ridere entrambi: ora come ora sembra un po’ stupida e banale, ma il contesto e la trama la rendono suggestiva.

Passo dopo passo, poco alla volta, i due personaggi si avvicinano, in modo innocuo, in modo sereno, senza farsi troppe domande, quasi involontariamente. Un libro molto semplice, di facile e veloce lettura: un unico luogo, solo due personaggi, ma avvincente.

La velocità e la voglia, che suscita, di continuare a leggerlo fanno di lui una bella compagnia ed i due protagonisti che, ora, potrebbe sembrarti che riservino la solita storia di amore e sesso, si riveleranno non banali: sono proprio loro a non essere ciò che si potrebbe pensare.

Con la voglia di rinascere e di vivere la vita, ti trascineranno nel loro mondo.

Se vi ho incuriosito almeno un pochino, potrete trovarlo per leggerlo tutto d’un fiato a questo link: L’isola dell’amore proibito

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...